Amazon pronta a licenziare 18.000 persone

0
60
amazon

Non c’è pace in questo post pandemia per i dipendenti delle società tecnologiche. Durante il lockdown le azioni delle cosiddette Big Tech americane avevano raggiunto quotazioni stellari, ma con il ritorno alla normalità, anche loro sono tornati con i piedi per terra e da qualche mese tra i tagli di Meta e la riorganizzazione di Twitter, dopo l’acquisizione di Elon Musk, sono andati perduti migliaia di posti di lavoro considerati fino a poco tempo fa sicuri e ben retribuiti.

L’ultima notizia in tal senso viene da Amazon, il gigante del commercio al dettaglio online, ha annunciato non solo che ci saranno imponenti tagli al personale ma anche che passeranno dagli inizialmente previsti 10.000 fino a 18.000.

 A comunicarlo è stato l’amministratore delegato, Andy Jassy, che tra le altre cose ha affermato, rivolgendosi ai dipendenti: “Lavoriamo per sostenere coloro che sono colpiti offrendo pacchetti che includono un pagamento, benefit sanitari e sostegno” per reinserirsi nel mondo del lavoro.
Amazon con “questa mossa” intende rafforzare la propria struttura dei costi, per restare concentrata sul raggiungimento degli obiettivi di lungo termine.

Potrebbe interessarti anche: come fare un reso Amazon?