L’affascinante biografia di Anne Frank: La storia di una sopravvissuta all’olocausto

0
115
biografia anna frank

Anne Frank è nata il 12 giugno 1929 a Francoforte, in Germania. Era la seconda figlia di Otto ed Edith Frank. I Frank erano una ricca famiglia ebreo-tedesca. Fin da piccola Anne visse con la sorella maggiore Margot e i genitori in una zona benestante di Amsterdam che oggi si chiama Prinsengracht. Con lo scoppio della seconda guerra mondiale, la vita dei Franchi cambiò drammaticamente. Nel 1940, i nazisti tedeschi invasero i Paesi Bassi e iniziarono a deportare gli ebrei di Amsterdam nei campi di concentramento. Nel 1942, Otto, il padre di Anne, ottenne lavoro in Germania come parte di una brigata di lavoro forzato (composta per lo più da ebrei).

Poco dopo la sua clandestinità, il 6 luglio 1944, le voci del diario di Anne diventano sempre più urgenti e disperate, e lei scrive della sua paura di essere scoperta e della sua speranza di essere salvata da amici o da sconosciuti come il signor Dussel o da uomini di un altro edificio che siano abbastanza coraggiosi da aiutarli a fuggire dal dominio nazista e a raggiungere la Svizzera.

La prima vita a Francoforte

Anne Frank è nata il 12 giugno 1929 a Francoforte, in Germania. Era la seconda figlia di Otto ed Edith Frank. I Frank erano una ricca famiglia ebreo-tedesca. Fin da piccola Anne visse con la sorella maggiore Margot e i suoi genitori in un ricco quartiere di Amsterdam che oggi si chiama Prinsengracht. Con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, la vita dei Franchi cambiò radicalmente. Nel 1940, i nazisti tedeschi invasero i Paesi Bassi e iniziarono a deportare gli ebrei di Amsterdam nei campi di concentramento. Nel 1942, Otto, il padre di Anne, ottenne un lavoro in Germania come parte di una brigata di lavoro forzato (composta per lo più da ebrei).

Poco dopo essersi nascosta, il 6 luglio 1944, le voci del diario di Anne diventano sempre più urgenti e disperate, e lei scrive della sua paura di essere scoperta e della sua speranza di essere salvata da amici o sconosciuti come il signor Dussel o da uomini di un altro palazzo abbastanza coraggiosi da aiutarli a fuggire dal dominio nazista e raggiungere la Svizzera

Crescere ad Amsterdam

Anne Frank è nata il 12 giugno 1929 a Francoforte, in Germania. Era la seconda figlia di Otto ed Edith Frank. I Frank erano una ricca famiglia ebreo-tedesca. Fin da piccola Anne visse con la sorella maggiore Margot e i suoi genitori in un ricco quartiere di Amsterdam che oggi si chiama Prinsengracht.

Con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, la vita dei Franchi cambiò radicalmente. Nel 1940, i nazisti tedeschi invasero i Paesi Bassi e iniziarono a deportare gli ebrei di Amsterdam nei campi di concentramento. Nel 1942, Otto, il padre di Anne, ottenne un lavoro in Germania come parte di una brigata di lavoro forzato (composta per lo più da ebrei).

Poco dopo essersi nascosta, il 6 luglio 1944 le voci del diario di Anne diventano sempre più urgenti e disperate, e lei scrive della sua paura di essere scoperta e della sua speranza di essere salvata da amici o sconosciuti come il signor Dussel o da uomini di un altro palazzo che siano abbastanza coraggiosi da aiutarli a fuggire dal dominio nazista e a raggiungere la Svizzera

L’inizio della guerra

La guerra inizia per i Frank il 6 luglio 1944, quando Otto, il padre di Anne, si nasconde con loro. Il 9 luglio Otto Frank riceve una telefonata dalla sua ditta che lo informa che la figlia maggiore Margot è stata portata dai nazisti ad Auschwitz. Il giorno dopo la signora Van Daan, un’altra persona nascosta con i Frank e Pfeffer, viene portata nel campo di concentramento di Bergen-Belsen. Anne scrive nel suo diario: “Non c’è più speranza”.

Il 4 agosto 1944 la Gestapo fece irruzione nell’alloggio segreto e arrestò tutti e otto i clandestini (Otto Frank, sua moglie Edith Frank e i loro quattro figli adolescenti). Otto fu mandato ad Auschwitz dove fu costretto a lavorare mentre Edith e Margot furono mandate al campo di concentramento di Bergen-Belsen dove morirono di tifo alla fine di marzo 1945

Fuga dall’Olocausto

Il diario di Anne, che lei chiamava Kitty, fu dato ad un amico olandese per essere custodito. L’identità della persona che ha dato il diario all’amica è sconosciuta. Il 4 agosto 1944 Anne entra in coma e muore di tifo. Otto Frank venne a sapere della morte della figlia quando tornò ad Amsterdam e trovò il diario di Anne ancora affidato allo stesso amico olandese che aveva concordato con lui di non restituirlo fino alla fine della guerra.

Otto Frank tornò a casa il 3 giugno 1945, tre giorni dopo la resa incondizionata della Germania nazista, per scoprire che sua moglie Edith era stata arrestata e mandata ad Auschwitz l’8 maggio. Riuscì ad ottenere il rilascio della moglie da Auschwitz promettendo ai nazisti che si sarebbe occupata dei loro tre figli a casa.

La vita di Anna Frank: Youtube

Ultimi giorni di vita

Il 1° agosto 1944 la famiglia Frank si nasconde in un luogo segreto. Anne e Margot vissero insieme nella stessa stanza fino all’ottobre 1944, quando fu detto loro che dovevano andare in stanze separate. La stanza di Anne era piena di libri e della sua scrivania che usava per scrivere il diario.

Anne morì il 6 marzo 1945 all’età di 15 anni di tifo in un territorio occupato dai tedeschi.

Conclusione

Il diario di Anne è diventato il documento più significativo dell’Olocausto. Rivela la vita interiore di una ragazza sensibile e piena di spirito, e offre una visione unicamente infantile degli orrori della guerra.

Non perderti le novità Carinsi! Inserisci la tua email qui sopra, metti la spunta alle Condizioni e clicca il pulsante "Sign up".

SOSTIENI CARINSI.IT