Cosa sono le emorroidi e come trattarle

0
167
Cosa sono le emorroidi e come trattarle


Le emorroidi sono vasi sanguigni gonfi e infiammati nel retto. Possono essere grandi e dolorose o più piccole, con pochi sintomi. Nervi e vene iperattive possono causare emorragie, sanguinamenti e crampi. Le emorroidi sono comuni nell’uomo e in uomini e donne di tutte le età. I sintomi includono prurito all’ano, sanguinamento dal bagno dopo i movimenti intestinali e dolore durante il passaggio delle feci. È anche importante sapere che non esiste una cura per le emorroidi. L’unico modo per ridurre i sintomi è attraverso misure di prevenzione come mantenere una dieta sana, aumentare l’assunzione di fibre, evitare la stitichezza bevendo molta acqua e fare molto esercizio. Ci sono molti trattamenti diversi disponibili tra cui creme, pillole, supposte, unguenti, terapie locali come bagni sitz o bagni sitz caldi (che utilizzano il calore per rilassare i muscoli), la chirurgia (di solito riservato per quando i sintomi persistono nonostante altre opzioni meno invasive), o la medicina alternativa.

Emorroidi

effetti emorroidi

Facciamo una panoramica di cosa sono le emorroidi, illustrando le cause di questa patologia fastidiosa, i sintomi che generalmente sopravvengono e altre informazioni essenziali.

  1. Cosa sono le emorroidi?Le emorroidi sono vasi sanguigni gonfi e infiammati nel retto. Possono essere grandi e dolorose o più piccole, con pochi sintomi. Nervi e vene iperattive possono causare emorragie, sanguinamenti e crampi.
  2. Perché vengono le emorroidi? La causa più comune delle emorroidi è lo sforzo durante i movimenti intestinali o lo spostamento di un oggetto pesante come un mobile. Altre cause includono la gravidanza e l’obesità.
  1. Quali sono i sintomi delle emorroidi? I sintomi comprendono prurito nell’ano, sanguinamento dalla toilette dopo i movimenti intestinali, dolore durante il passaggio delle feci .
  2. Cause delle emorroidi? La causa più comune delle emorroidi è lo sforzo durante i movimenti intestinali. Se non siete stati in grado di passare un movimento intestinale senza sforzarvi, potreste aver iniziato a sviluppare le emorroidi. Anche il gonfiore e l’infiammazione delle vene del retto possono portare alle emorroidi, così come l’età avanzata e la gravidanza. Inoltre incidono anche la predisposizione in famiglia, la stipsi cronica, una vita sedentaria, gli sforzi abnormi, la gravidanza, e il tenere a lungo la posizione eretta. Le emorroidi si trovano tipicamente dopo che i vasi sanguigni nel retto si rompono o si strappano per lo sforzo o la spinta.

Trattamento delle emorroidi

Emorroidi: video Youtube

Non esiste una cura per le emorroidi, ma ci sono molti modi, trattamenti, per ridurre i sintomi e alleviare il dolore. La forma più semplice di trattamento è attraverso misure preventive come mantenere una dieta sana, aumentare l’assunzione di fibre, evitare la stitichezza bevendo molta acqua e facendo molto esercizio. Ci sono anche molti trattamenti diversi disponibili tra cui creme, pillole, supposte, unguenti, terapie locali come bagni sitz o bagni sitz caldi (che utilizzano il calore per rilassare i muscoli), la chirurgia (di solito riservata a quando i sintomi persistono nonostante altre opzioni meno invasive), o la medicina alternativa.

Prevenzione: cosa fare?

Prevenire le emorroidi è il modo migliore per evitare del tutto il problema, visto che non ci sono cure definitive e che qundi prevenir è meglio che curare. Il consiglio per prevenire le emorroidi è di:

  • Fare una giusta quantità di attività fisica, comprese le camminate. Seguire una dieta che sia ricca di fibre e bere tanta acqua evitando di bere alcolici;
  • Nel caso in cui si abbia una predisposizione ad avere le emorroidi si consiglia di curare a fondo l’igiene intima senza usare però prodotti che “bruciano”.
  • Stare sempre in movimento ed evitare di stare “troppo sul divano”. La sedentarietà non aiuta!

Leggi anche: cos’è la dieta paleo e come funziona?

Quali sono gli stadi delle emorroidi?

emorroidi

Le emorroidi, in base alla loro gravità possono essere distinte in diversi stadi, che sono:

  • I stadio: emorroidi interne che non prolassano;
  • II stadio: emorroidi che prolassano ma che si riducono da sole;
  • III stadio: emorroidi che prolassano e che necessitano di una riduzione manuale;
  • IV stadio: emorroidi sempre in condizione di prolasso.

Stare attenti ai sintomi e rendersi conto che è sempre bene chiedere l’intervento del medico prima che si creino ulteriori complicazioni.

Come trattare i sintomi delle emorroidi?


Ci sono molti trattamenti diversi per le emorroididisponibili tra cui creme, pillole, supposte, unguenti, terapie locali e chirurgia.

In base alla situazione bisogna specificare che nel primo e secondo stadio delle emorroidi basta seguire le basilari norme igieniche e una dieta abbondante in fibre, praticando con frequenza l’attività fisica. Aiutano anche alcune creme specifiche. Nel secondo stadio, nel caso in cui non si riscontri un miglioramento immediato, si può intervenire sotto il consiglio del medico che potrebbe indicare la necessità di una legatura elastica e le iniezioni sclerosanti, da fare in ambulatorio senza anestesia. Infine, per le emorroidi di terzo e quarto grado è richiesto l’intervento chirurgico.

Leggi anche: cos’è la cistite e come si previene?

Trattamenti alternativi per le emorroidi


Questi trattamenti alternativi per le emorroidi possono essere usati insieme ad altri trattamenti per aiutare a ridurre i sintomi. Sono anche utilizzati quando un trattamento meno invasivo non è efficace.

  • 1) Bagni sitz caldi: Questo tipo di bagno utilizza il calore per rilassare i muscoli dello sfintere anale e ridurre il dolore o i crampi. Questo trattamento è tipicamente riservato ai casi più ostinati di sanguinamento rettale e/o infezione, in quanto è un’alternativa alla chirurgia che non richiede anestesia o tempi di recupero. Il calore rilassa i muscoli dello sfintere anale, che riduce il dolore e i crampi durante i movimenti intestinali aprendo il passaggio tra il retto e l’ano.
  • 2) Impacco di ghiaccio: Questa opzione può fornire sollievo per il disagio localizzato. Può anche aiutare a diminuire il gonfiore e l’infiammazione, il che può rendere il dolore più sopportabile. L’impacco di ghiaccio dovrebbe essere applicato costantemente per 10 minuti, poi rimosso e riapplicato ogni 30 minuti per un massimo di due ore.

(Le informazioni che si trovano in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in tutti i casi, di consultare sempre il parere di un medico o di uno specialista).

Non perderti le novità Carinsi! Inserisci la tua email qui sopra, metti la spunta alle Condizioni e clicca il pulsante "Sign up".

SOSTIENI CARINSI.IT