Mundys: cos’è e di cosa si occupa

0
231
mundys
664498992236849" crossorigin="anonymous">

Se ti interessa il mondo della finanza e delle grandi aziende italiane, avrai sicuramente sentito parlare di Mundys. Ma che cos’è Mundys, di cosa si occupa e chi è il proprietario? Andiamo con ordine, perché in questo approfondimento cercheremo proprio di dare le risposte a queste importanti domande.

Guarda anche: Case in bioedilizia.

Indice

Che cos’è Mundys?

Mundys è la nuova Atlantia, società italiana che si occupa di infrastrutture nel settore della mobilità. Dalle autostrade agli aeroporti, il business di Mundys è quello di collegare persone e territori nel miglior modo possibile, gestendo autostrade e aeroporti in 24 Paesi nel mondo, prendendosi cura, ad esempio dell’aeroporto Fiumicino di Roma.

La società Mundys non è più quotata alla Borsa di Milano dal 9 dicembre del 2022. In quel momento si chiamava ancora Atlantia, ma dal 15 marzo 2023 ha cambiato nome in Mundys.

La storia della società risale agli anni 50’, ai tempi dell’IRI con la nascita della Società Concessioni e Costruzioni Autostrade S.p.A., fino a quando la parte relativa alle autostrade viene privatizzata nel 1999 e acquistata dal gruppo Benetton. La società diventa Atlantia nel 2007 e si espande sempre di più anche all’estero.

Un fatto drammatico è avvenuto nel 2018, con il crollo del Ponte Morandi a Genova. Da allora sono seguite vicissitudini finanziarie che hanno portato al definitivo delisting dalla Borsa italiana e alla creazione della nuova società denominata Mundys.

Mundys ha quindi diverse partecipazioni in aziende che si occupano di infrastrutture nel settore della mobilità.

Guarda anche:  Istat: Pil a +0,5% nel terzo trimestre, + 3,9% nel 2022 finora

Cosa fa Mundys

Mundys attualmente si occupa di infrastrutture legate alla mobilità. Gli investimenti del gruppo sono fortemente improntati alla sostenibilità ambientale e sociale. Con l’obiettivo di tutelare l’ambiente e di collegare persone e società in modo responsabile.

Anche l’innovazione e l’impiego delle migliori tecnologie disponibili sono un punto importante del nuovo corso dell’azienda Mundys. Sfruttare l’enorme cambiamento nell’ambito della mobilità, a tutti i livelli, è uno degli obiettivi principali della società.

Questo approccio parte dalla constatazione che il mondo della mobilità sta cambiando in modo continuo ed esponenziale. In concreto, Mundys si propone di sostenere l’impiego di mezzi di trasporto sempre più sostenibili e migliorare le infrastrutture portandole a livelli sempre più efficienti e compatibili con il territorio in cui insistono.

Un esempio di questa voglia di nuovo è sicuramente il lancio del servizio Volocopter dall’aeroporto di Roma Fiumicino, dove grazie ad un mezzo di trasporto innovativo, si potrà raggiungere il centro di Roma in pochi minuti senza intasare il traffico stradale. Un primo passo verso la nascita di servizi di Mobilità Aerea Avanzata (AAM), che sono il futuro (e presto il presente) della mobilità sostenibile.

Mundys ha come obiettivo quello di diventare il primo gruppo mondiale del settore delle infrastrutture, investendo in migliori servizi per i passeggeri, in innovazione e in sostenibilità.

Di chi è Mundys

A seguito del delisting dalla Borsa Italiana, al momento,  Mundys ha un azionariato così composto*:

  • 57% Edizione S.P.A;
  • 37,8% Blackstone;
  • 5,2% Fondazione Cassa di Risparmio di Torino.

*Dati al: 11 maggio 2023

Conclusioni

Sulla base delle informazioni disponibili, abbiamo visto che Mundys è la società che “succede” alla vecchia Atlantia. Dalle autostrade, Mundys ha poi preso una strada che mira alla gestione complessiva delle infrastrutture legate al settore dei trasporti. Facendo dell’innovazione e della sostenibilità lo scopo principale dell’azienda. Diventare il più grande player mondiale del settore è un altro obiettivo che Mundys intende perseguire. La famiglia Benetton continua quindi ad essere la principale azionista della società.

Guarda anche:  Allarme Codacons: rialzo prezzi benzina farà salire ancora l’inflazione

Potrebbe interessarti anche: Cos’è il Banco di Sardegna?