Perchè la Grecia irrita la Russia

0
75
La Grecia irrita la Russia

Una recente analisi geopolitica evidenzia come la Grecia si stia attirando da un lato le simpatie degli USA, comprando energia dall’America e ospitando soldati americani in terra greca, dall’altro irritando la Russia proprio per questi atteggiamenti considerati anti-russi. Vediamo meglio di cosa si tratta in questo approfondimento Carinsi sulla geopolitica. Continua a leggere.

Russia, USA, Grecia e il triangolo geopolitico

In questo approfondimento della sezione geopolitica qui su Carinsi, analizziamo un recente fatto portato alla luce dal sito politico.eu che evidenzia come la Russia si sia irritata per gli atteggiamenti della Grecia a favore degli Stati Uniti.

Ci sono voluti parecchi anni, eppure la Grecia ha finalmente invitato gli Stati Uniti a casa propria, a scapito della Russia.

Quasi 40 anni prima, i greci stavano protestavano per le strade contro le installazioni dell’esercito americano nell’area. I cartelli proclamavano: “Fuori le basi della morte!” In tutto il paese, i sondaggi hanno mostrato che la maggior parte dei greci si sentiva più vicina alla Russia, un paese cristiano ortodosso che aveva aiutato i greci a respingere il dominio ottomano nel 1821, più di quanto non lo facessero gli Stati Uniti.

Infatti, anche durante gli anni 2000, i rapporti greco-americani rimasero freddi. Atene ha quindi rafforzato i suoi collegamenti con Mosca.

Questo volta però è completamente diversa.

foto grecia

Ultimamente, le relazioni tra Stati Uniti e Grecia si sono sviluppate molto più rispetto al passato, più strette che in qualsiasi altro momento, annunciano le autorità delle due parti. Inoltre, gran parte di questa nuova collaborazione ha avuto un impatto diretto sulla Russia. (leggi anche: come funziona il nuovo treno Frecciarossa Milano-Parigi)

La Grecia ha consentito agli Stati Uniti l’accesso a tempo indeterminato a quattro importanti installazioni dell’esercito, sconcertando la Russia. Ha iniziato a ricevere gas naturale liquefatto dagli Stati Uniti in un porto non distante da Atene, offrendo un’opzione di scelta rispetto alla sola fornitura russa. Inoltre, i giganti delle multinazionali statunitensi hanno scelto la Grecia come un punto centrale dell’area: JPMorgan Chase, Microsoft, Pfizer, Amazon, Cisco, Tesla e Deloitte hanno tutti intrapreso investimenti enormi nella nazione negli ultimi tempi.

Questa trazione degli Stati Uniti è diventata progressivamente significativa poiché Mosca mette a rischio la stabilità in Ucraina con provocazioni militari alla frontiera, spingendo Washington e i suoi partner a elaborare piani di reazione militare. Quei piani comprendono inevitabilmente una partecipazione anche della Grecia.

La Grecia è importante nel lavoro che fanno gli Stati Uniti per garantire un accordo con i nostri partner NATO ed europei mentre reagiamo al modo in cui la Russia sta agendo in l’Ucraina“. ha detto di recente Geoffrey Pyatt, ambasciatore americano in Grecia.

foto russia

Per le persone che seguono la politica estera greca da molto tempo, la dinamica capovolta è sorprendente.

“È vorticoso vedere l’adeguamento delle relazioni tra Stati Uniti e Grecia a lungo termine”, ha affermato Alan Makovsky, che ha coperto l’Europa meridionale e il Medio Oriente per conto del Dipartimento di Stato negli anni ’80, quando l’avversione greca per gli Stati Uniti era al culmine . “L’inclinazione che si ha ora è che il governo greco non ne ha mai abbastanza della presenza degli Stati Uniti”.

Per i vecchi come me“, ha aggiunto Makovsky, rivedendo i motti contro gli Stati Uniti degli anni ’80, “è praticamente inimmaginabile”.


La Grecia nuovo alleato americano.

statua della libertà

Numerosi adulti greci ricordano ancora l’aiuto di Washington per la giunta tecnica che ha governato la Grecia dal 1967 al 1974. Allo stesso modo, numerosi greci disprezzano l’America per essere rimasta imparziale nei dibattiti costantemente presenti tra la Grecia e l’adiacente Turchia.

Nel 1999, durante la visita del presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, si verificò ad Atene una dura protesta contro gli Stati Uniti. Il giorno seguente, Clinton si è scusato per il sostegno degli Stati Uniti alla junta, riconoscendo che è fallita nel suo “impegno ad aiutare la democrazia”.

Allo stesso tempo, la Grecia nutriva una certa simpatia nei confronti della Russia per le notevoli associazioni tra le nazioni.

Nel nord della Grecia, i legami sociali e finanziari con la Russia erano solidi. La città di Alexandroupolis, ad esempio, ha un piccolo gruppo di abitanti russi e città gemellate con alcune aree urbane russe, tra cui Sosnovy Bor e San Pietroburgo. Insomma, legami storici, culturali e finanziari abbastanza consolidati.

Pyatt ricorda in modo sorprendente la risposta che ha ricevuto la prima volta che visitò Alexandroupolis.

“Ho detto a un anziano scrittore greco: “Oggi andrò ad Alexandroupolis, cosa sarebbe consigliabile per me?” Ha detto: ‘Ragazzo, stai davvero andando nella tana dell’orso.'”

Nel 2018, il ministero degli esteri greco ha espulso due negoziatori russi, e ha bandito due russi dalla nazione sulla scia di averli incolpati per aver istigato i patrioti locali contro a un accordo che avrebbe facilitato l’ingresso della Macedonia del Nord alla NATO.

Più o meno in un periodo simile, le fragili relazioni della Grecia con gli Stati Uniti si stavano gradualmente riprendendo.

L’interazione è iniziata subito dopo l’emergenza monetaria del 2008, che ha schiacciato l’economia greca. Mentre la Germania spingeva le nazioni europee a imporre misure di estrema cupezza alla Grecia, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha esaminato attentamente la situazione greca.

Sorprendentemente, gli Stati Uniti si sono spostati a favore del governo greco Syriza di sinistra, al controllo dal 2015 al 2019. Per molto tempo, la sinistra greca si è opposta intensamente al modo di fare degli Stati Uniti, tuttavia il partito Syriza ha modificato la rotta, cercare in modo trasparente relazioni più strette con Washington sia durante le presidenza di Obama e di Trump. Quella strategia ha accelerato ancora di più sotto il governoo della di centro destra.

“Ciò che è significativo al riguardo è che non è stato qualcosa di repubblicano o democratico, è stato bipartisan negli Stati Uniti, e allo stesso modo ha interessato due legislature in Grecia“, ha detto Pyatt.

Ricordati, se vuoi, di non perderti le novità Carinsi, iscrivendoti alla newsletter gratuita immetendo la tua email e se vuoi il tuo nome. Niente spam, tranquillo/a!

[sibwp_form id=1]

Uno studio diretto lo scorso ottobre e novembre da Kapa Research mostra che gli Stati Uniti sono il miglior partner per i greci, ottenendo il 62% di preferenze. La Russia è arrivata terza con il 31%. Interessante

I legami rafforzati sono merito anche dell’affievolimento del rapporto degli Stati Uniti con la Turchia per l’acquisizione di strutture di protezione missilistica di fabbricazione russa da parte turca. Sullo sfondo di queste pressioni, gli Stati Uniti hanno diminuito la loro presenza tattica in Turchia.

Collaborazioni sul piano militre

Gli Stati Uniti non avevano una presenza tattica in Grecia prima degli ultimi due anni.

La forza navale degli Stati Uniti ha condiviso l’utilizzo di una base marittima a Souda Bay, sull’isola di Creta, dagli anni ’50. Inoltre, a partire dal 1990 circa, un trattato di pace ha permesso alle potenze americane di prepararsi e lavorare nella regione greca.

In ogni caso, nel 2019, le diverse parti hanno aggiornato quel trattato di pace per concedere agli Stati Uniti l’ingresso in tre posti militari extra. Inoltre, nel 2021, l’accordo è stato ampliato all’infinito, ricostruendo totalmente la presenza americana nella zona.

Le nuove installazioni sono in gran parte centri militari di base. C’è Alexandroupolis, la città del nord, che ha decisamente puntato su un terminal aereo, un porto e un accampamento militare. Poi, c’è la base aerea di Larisa, che funge da punto di sosta per le unità delle forze armate dell’aviazione americana in Europa. Infine, c’è la base dell’esercito di Stefanovikeio, dove le forze armate greche e americane praticano costantemente attività congiunte.

Alexandroupolis, in particolare, si è praticamente trasformata in pochissimo tempo in una base del cruciale di sicurezza degli Stati Uniti nell’area, con grande collera dei russi.

Come vanno gli affari

Un altro tassello importante sono sicuramente le relazioni economiche tra Stati Uniti e Grecia. Capirle, spiega tante cose.

Pyatt ha affermato che gli Stati Uniti stanno anche cercando di appianare gli ostacoli normativi per le società che cercano accordi privati ​​per fare affari nel porto della città di Alexandroupolis, nella linea ferroviaria e per fare una nuova tangenziale.

“Le persone ad Alexandroupolis si sentivano totalmente trascurate”, ha detto. “Abbiamo fornito una nuova narrazione resoconto, che è diventato vitale anche dal punto di vista pscicologico. C’è un ambiente finanziario completamente diverso che si è sviluppato lì”.

I pionieri del business russo sono ancora rapidi nell’ottenere quegli accordi privati ​​equivalenti a quelli che gli Stati Uniti stanno attualmente cercando di ottenere e guidare. Nella città settentrionale di Salonicco, ad esempio, il secondo porto più grande della Grecia è stato privatizzato nel 2018 da un consorzio che includeva il manager finanziario russo-greco Ivan Savvides.

Insomma, nonostante i businessman greci siano contenti della rinnovata forza economica della Nazione, tanto che russi e americani se ne contendono gli affari migliori, l’alleanza ritrovata con gli USA resta ancora fioca e con fondamenta non proprio durevoli. Staremo a vedere.

Se vuoi, ricordati di fare una piccola donazione per sostenere Carinsi.it, in modo da poterti garantire un servizio sempre aggiornato e affidabile!


Articolo a scopo educativo sull’alleanza geopolitica tra Paesi.

Non perderti le novità Carinsi! Inserisci la tua email qui sopra, metti la spunta alle Condizioni e clicca il pulsante "Sign up".

SOSTIENI CARINSI.IT